Frutta e verdura di stagione

Basilico

Di stagioneFioritura tra maggio e settembre
Nome completoOcimum basilicum
FamigliaLamiaceae
Proprietà principali– Aiuta il metabolismo e la coagulazione del sangue
– Aiuta lo sviluppo del sistema nervoso durante la gravidanza
SeminaIn coltura protetta a marzo; messa in vaso o in campo da aprile (teme le gelate)
Valori nutrizionali
Apporto calorico: 22 cal per 100 g
Fonte di antiossidanti: beta-carotene, beta-criptoxantina, luteina/zeaxantina
Contiene flavonoidi e acido folico
Fonte di omega-3
Vitamine: C, A, E, K e diverse del gruppo B
Ricco di Rane (Cu), Potassio (K), Ferro (Fe), Magnesio (Mg), Fosforo (P), Calcio (Ca), Zinco (Zn) e Manganese (Mn)

Nutrizione

Il Re delle erbe aromatiche è una pianta annuale, ma conviene raccogliere le foglie a partire dalla primavera inoltrata fino a inizio autunno, perché nei mesi più freddi la sua attività diminuisce. Il consiglio è di inserirlo in quanti più piatti possibile, anche nel’insalata, per giovare delle sue proprietà!

Il basilico contiene infatti sostanze antiossidanti, che combattono i radicali liberi e prevengono l’invecchiamento. I flavonoidi e il beta-carotene, in particolare, contribuiscono a proteggere la struttura delle cellule e i cromosomi dai danni da radiazioni, oltre che dai danni ossidativi.

L’olio essenziale ottenuto dalle sue foglie ha inoltre proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche, in particolare grazie all’eugenolo!
Ottima fonte di vitamine e sali minerali, in particolare rame e vitamine A e C.

Curiosità!

Leggende

Sul basilico aleggia un’aura mistica che nel tempo ha accumulato storie e miti. Ad esempio, ad esso era associata l’idea dell’amore terreno. Nel trecento venne composta in Italia una canzone popolare ispirata alla leggenda di Isabella da Messina, che nascose la testa dell’amante in un vaso di basilico a seguito della sua uccisione da parte dei fratelli di lei.

Oggi, in Egitto, il basilico viene ancora regalato alle coppie di sposi come segno di buon auspicio.

Conservazione

Un buon modo per conservare il basilico è quello di congelarlo, sia tritato sia a foglia intera. Per congelarlo intero conviene lavare accuratamente le foglie e disporle su un canovaccio per farle asciugare per bene. E’ possibile tamponare con carta assorbente per velocizzare il processo.

Dopodiché, disporre le foglie su una teglia e coprirla con carta stagnola o pellicola e metterlo in freezer per un paio d’ore. Successivamente, riporre delicatamente le foglie in un contenitore a chiusura ermetica e riporlo in freezer: pronte all’uso!

Un nome regale

Il termine basilico deriva dal greco basilikum, che significa “regale, maestoso”. Non a caso viene riconosciuto come il Re delle erbe aromatiche!

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutami a divulgare la conoscenza!

E tu cosa ne pensi? Condividi la tua opinione e parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *