Frutta e verdura di stagione

Pera

Di stagioneFine estate, autunno ed inverno
Nome completo Pyrus Communis
Famiglia Rosaceae
Proprietà principali– Sostiene la funzionalità intestinale
– Contrasta l’invecchiamento della pelle
– Aiuta la vista
Maggior produttore mondialeItalia
Valori nutrizionali
Apporto calorico: circa 40 cal per 100 g
Contiene acido folico
Ricca di fibre
Contiene betacarotene e luteina
Vitamine: A, C, E, B1, B2, B3, B5 e B6
Ricco di Calcio (Ca), Ferro (Fe), Potassio (K) e Fosforo (P), Sodio (Na), Magnesio (Mg), Fluoro (F), Zinco (Zn) e Rame (Cu).

Nutrizione

L’Italia va pazza per le pere, non c’è che dire. Le varietà presenti sul suolo dello stivale sono ben 9, e tra loro variano leggermente il periodo di maturazione coprendo tutto il periodo che va da fine estate a inverno inoltrato.

La pera è ricca di antiossidanti: annovera nella sua collezione beta-carotene, luteina, zexantina e criptoxantina. Inoltre, essendo poco calorica ma molto zuccherina, ha un’ottima capacità energizzante.

A seguito di alcune ricerche, è emersa l’importanza della buccia! Mangiarla insieme al resto del frutto permette di assumere una buona quantità di acido ursolico, una molecola studiata in quanto potenzialmente in possesso di proprietà antitumorali ed antinfiammatorie; ha inoltre proprietà antiossidanti e contiene composti fenolici.

Curiosità!

Una luuunga storia

Sembra venisse consumata addirittura nella preistoria: la storia della pera risale davvero a molto tempo addietro! I primi reperti lignei sono invece datati a partire dal Neolitico, quindi 5.000 anni fa.

Geograficamente, si pensa siano comparse inizialmente in Europa e Asia Occidentale.

Che varietà!

Esistono almeno 20 varietà diverse di pera nella sola penisola italiana, con nomi più o meno curiosi: decana, coscia, spinella, picciola, signora e chi più ne ha più ne metta.
Le pere delle varietà Abate Fetel e William, quest’ultima selezionata in Inghilterra a fine ‘700, sono ad oggi la varietà più coltivate in Italia.

Nel mondo, invece, si arriva alla soglia delle 3.000 varietà.

Lo sapevi che…

Nell’Antica Grecia, la pera era un frutto sacro per i Pitagorici: ritenevano che in essa fosse contenuto il vero mistero del cosmo.

Non solo! Secondo Sant’Agostino fu la pera – non la mela – il vero ed originale frutto proibito, causa del peccato originale!

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutami a divulgare la conoscenza!

E tu cosa ne pensi? Condividi la tua opinione e parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *