Frutta e verdura di stagione

Arancia

Di stagioneLa raccolta va dalla metà di ottobre a fine maggio
Nome completoCitrus sinensis
FamigliaRutacee
Proprietà principali– Antiossidanti
– Alleato del sistema cardiovascolare
– Aiuta il sistema immunitario
SeminaMessa a dimora tra la fine di marzo e maggio.
Maggior produttore mondialeBrasile
Valori nutrizionali
Apporto calorico: circa 34 cal per 100 g
Ricche di vitamina C
Contiene pectina
Contiene flavonoidi
Vitamine: A, B1, B2, B3, C e PP
Ricco di Sodio (Na), Calcio (Ca), Ferro (Fe), Potassio (K) e Fosforo (P)

Nutrizione

Assieme ai mandarini, le arance sono l’agrume autunnale per eccellenza. Come tutti gli appartenenti alla famiglia degli agrumi, questo frutto è ricco di vitamina C: nei mesi invernali, freddi e vessati da virus e batteri vaganti, offre sostegno alle difese immunitarie e un bel carico di vitamine e sali minerali.
Lo sapete che c’è un frutto autunnale che, inaspettatamente, contiene più del triplo di vitamina C rispetto ai tanto decantati agrumi?
Sorpresa: si tratta dell’uva! Su di lei ho cercato dati utili e curiosità che trovate nell’apposita scheda.

Le arance hanno un alto contenuto di flavonoidi, sostanze – assieme alla vitamina C – molto importanti per la ricostituzione del collagene nei tessuti connettivi. Possono dunque favorire il rafforzamento di ossa e denti, ma anche di cartilagini, tendini e legamenti.

La qualità “rossa” delle arance è inoltre molto ricca di antocianine, in grado di contrastare con successo gli stati infiammatori.

Curiosità!

Alcuni dati!

Per quanto sia uno dei simboli del nostro stivale, l’albero di arancio non è italiano! Originario di Cina e sud-est asiatico, fu introdotto nel nostro Paese dagli arabi solo nel XIV secolo.
Lo so, siamo abituati a farne un vanto nazionale e dopo tanti secoli possiamo forse permettercelo vista l’eccellente e certificata qualità.
Vi lascio un altro dato interessante: non ne produciamo una grande quantità! Dall’altra parte del Mediterraneo i nostri cugini spagnoli producono più del doppio degli agrumi rispetto a noi, che addirittura ne importiamo.

Come è nata?

L’albero dell’arancio è il risultato di un antico e fortunato incrocio fra gli alberi di pomelo e mandarino. Può essere propagata sia tramite talea, sia tramite innesto.
In tutto il mondo ne esistono centinaia di varietà.

Lo sapevi che…

Un famoso detto siciliano recita “al mattino le arance sono d’oro, a pranzo d’argento e alla sera di piombo“… e non a torto!
La frutta acida, infatti, tende a inibire l’assorbimento delle proteine rallentando la digestione. Il momento migliore per consumare arance è dunque il mattino, a stomaco vuoto o quasi.

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutami a divulgare la conoscenza!

E tu cosa ne pensi? Condividi la tua opinione e parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *