Frutta e verdura di stagione

Speciale Aprile

Il mese di aprile è arrivato, con i suoi mille colori e profumi, con le giornate che si fan più lunghe. Il caldo da timido si fa coraggioso: la primavera, in tutto il suo splendore, è arrivata!

Aprile e le sue fresche brezze
a volte dolci a volte impetuose.
Aprile che fa esplodere di boccioli
e petali i pavimenti delle strade.
I piccioni si gonfiano e frullano
in danze di corteggiamento, e i tramonti
sono ogni giorno più in ritardo.
Il sole, poi le nuvole, poi la pioggia,
poi va fatto il cambio dei letti perché fa caldo
ma aspetta
forse stanotte farà ancora freddo e
metto su un’altra coperta.
E trilla il passerotto, scroscia il ruscello.
Aprile pazzerello, m’hai vista nascere
e mi vedrai sposare
perché in te è la resurrezione,
il vento nuovo, l’opportunità.

– La Giraffa

Finalmente è arrivato il mese che preferisco in assoluto: è il quarto del calendario gregoriano, nonché secondo di primavera! Secondo alcune interpretazioni, il nome di questo mese deriverebbe dall’etrusco Apro, che a sua volta trae origine da Afrodite, la dea greca dell’amore.
Quale mese migliore, in effetti, per innamorarsi?

E poi si festeggia la Pasqua, seguita dalle immancabili piogge che distruggono i programmi per il lunedì di pasquetta, insomma un sacco di cose. Ah no, un momento, c’è una pandemia in atto… e allora tutti in casa col sole che spacca le pietre, giusto!

Aprile per me è particolarmente speciale: ci sono nata, e provo una forte attrazione verso la natura e tutto ciò che mi connette ad essa. Con i panorami che questo mese regala, tra fioriture e venticelli tiepidi, non c’è niente di meglio del respirare un po’ di aria nuova.

Insomma, questo mese è così impregnato di rinascita da colpirmi dritto al cuore.
A voi che sensazioni suscita?

Un buon proposito!

Ora che la primavera è arrivata, potremmo approfittarne per ampliare la nostra lista della spesa!

Il cambio di clima è fetente, e i malanni stagionali sono dietro l’angolo. Consumare cibi che danno sostegno al nostro sistema immunitario e mantengono il nostro corpo in salute, quello sì che è un bel proposito.
E, come sempre, la natura su questo versante ci fornisce tutto quello di cui abbiamo bisogno.

Bando alle ciance, è ora di andare a scoprire quali varietà di frutta e verdura madre natura porta sui banchi del mercato questo mese!

Per i più frettolosi: a fondo pagina trovate una tabella con l’elenco completo di tutti i prodotti di febbraio.

Arrivederci!

Sarà breve ma intenso, ma dobbiamo salutare il radicchio. Non temete, lo ritroveremo con piacere dal prossimo ottobre, ma da aprile non è più di stagione!

Anche la zucca ha ormai fatto il suo corso. Alcune varietà le troviamo ancora, ma tendenzialmente è ora di dare il commiato anche a lei. Mia regina d’autunno, sua Cremosità, signora di Halloween, mi mancherai.

Chi bussa alla porta?

Asciughiamoci orsù le lacrime, perché il cambio di clima tinge di verde prati, boschi ed orti!
Green is the new orange which is the new black, e me fermo che stiamo già andando oltre.

Le verdure a ciclo breve che erano state seminate a inizio anno sono pronte: biete da coste ed erbette, insalate che più verde non si può come lattuga, rucola, insalata riccia, valerianella (songino) e scarola.

Questo mese ha delle new entry consistenti, si evince già dall’incipit.

A proposito di sostenere il nostro sistema immunitario, diamo il benvenuto all’aglio fresco: proprietà antibatteriche con una spolveratina di doti antisettiche ed allicina irritante qb. Et voilà! Una volta essiccato e conservato correttamente, potremo consumarlo tutto l’anno.

Sono tornati anche i ravanelli!
Con la loro polpa bianca e croccante, saranno di stagione da ora fino a settembre.

Troviamo poi il rabarbaro, che cresce in compagnia delle fragole e un tempo era usatissimo in cucina, anche se oggi è evidentemente passato di moda.

Legumi

Torniamo a parlare delle leguminose!!

Dallo scorso mese ci portiamo dietro fagioli, piselli freschi e lenticchie, ma da aprile avremo anche lei… La fava!!

Poco considerata al nord, è invece un must nel centro e sud Italia.

A differenza degli altri legumi, la fava è molto gustosa anche quando consumata cruda.
Ricca di fibre, regolarizza il transito intestinale ed ha proprietà diuretiche!

Vitamina C

A causa dei bombardamenti di tutti i media passati presenti e presumibilmente futuri, tutti noi affidiamo alla vitamina C il duro compito di rinvigorire il nostro sistema immunitario. Una mano la da’ eh, ma non commettiamo l’errore di ragionare per compartimenti stagni: nessun alimento o molecola è considerabile un farmaco né un miracolo né, per carità divina, un superfood.

Per approfondire le proprietà delle fragole, potete leggere le sue proprietà nella scheda!

Se però vogliamo assumere vitamina C in quantità o perché no, semplicemente gustarci un buon frutto senza pretendere altro da lui che un sapore vero e finalmente lontano da quello della carta del panino che accidentalmente abbiamo masticato insieme al prosciutto, in nostro aiuto arrivano le fragole.

Sapevate che fin dall’antichità questo piccolo esercito di minacciosi cuoricini rossi cresceva spontaneamente nei boschi europei?

Agrumi

Arance, pompelmi e cedri rimangono con noi anche questo mese!
Tra loro, il kiwi e la fragola, la scorta di vitamina C è del tutto assicurata.

Vogliamo parlare dell’agrume per eccellenza?

Il limone!

L’albero di limone ha due principali fioriture durante l’anno, che permettono la raccolta del suo frutto per un periodo piuttosto ampio che copre, pur con qualche pausa in mezzo, i mesi che vanno da novembre a giugno.

Io non vedo già l’ora di farmi delle intere caraffe di acqua, limone e miele!

Le crucifere

Le crucifere, o brassicacee, sono una numerosissima famiglia tipicamente invernale e piena di proprietà benefiche. L’inverno ha fatto però il suo tempo, e per loro è tempo di prepararsi al letargo estivo. Sembra un ossimoro, lo so, ma loro sono fatte così e vogliamo loro molto bene lo stesso.

Alcuni membri di questa famiglia, i cavoli e i broccoli, stanno per salutarci.
Dal prossimo mese non li troveremo più, ma possiamo goderceli per quest’ultimo mese!

Con noi rimangono cavolo verza, cavolo rosso, cavolo rapa, cavolfiore e ravanello.
Sapevi che anche la rucola fa parte di questa famiglia? Anche lei ci fa compagnia ancora per un po’.

Qui però stiamo dando il benvenuto ai nuovi arrivati, e allora di chi parliamo?

Della rapa!!

Anche lei fa parte della grande famiglia cruciferina (?!).
Un po’ demodé nella cucina odierna, ma pilastro dell’alimentazione umana nella storia. Vi lascio la sua scheda per info e curiosità!

Con lei rimangono con noi anche le cime di rapa, che però appartengono ad una sottospecie differente.

In generale le crucifere possiedono una grande varietà di elementi nutrizionali essenziali: hanno un buon contenuto di fibre e sono ricche di acqua. Tra i sali minerali spiccano potassio, calcio e fosforo. Inoltre contengono molti antiossidanti, acido folico e vitamine A, C e K.

Tra la frutta, troviamo ancora le mele, croccanti e granulose, ma anche le pere. Entrambe sono caratterizzate da un’alta digeribilità che le rende fruibili da tutti, oltre al buon contenuto di sostanze benefiche.

Continuano poi ad affollare i banchi dell’ortofrutta anche gli spinaci, i cardi, l’indivia e i finocchi.

Ortaggi pregiati

Con mia grande gioia, questo mese abbiamo ancora la possibilità di gustare i carciofi. Sapevate che.. sono un fiore dai petali particolarmente coriacei?

Altra grande felicità ce la regala l’asparago, che con le sue tante proprietà si presta a diversi e gustosi utilizzi in cucina.

Io personalmente preferisco la varietà selvatica, più saporita ed amara di quella coltivata. Mi ricorda l’appennino tosco-emiliano, da cui provengo.

Erbe aromatiche

Dal reparto erbe aromatiche mi segnalano infine che, per chi fosse appassionato, questo è il periodo giusto per seminare basilico, rosmarino, prezzemolo, origano, maggiorana, timo, erba cipollina, malva, camomilla e calendula.

Dal punto di vista della raccolta, invece, possiamo gustare tarassaco, acetosella, crescione, aneto, citronella e… e tutte quelle che trovate in fondo alla pagina, nella tabella!

  • “E di Storia che ci racconti?”

Vi parlo della cipolla!
Come altri prodotti della terra, la cipolla era soggetta anche ad interpretazioni simboliche e superstizioni.
Nella bibbia veniva identificata come portatrice del dolore prodotto dal peccato perché irritano gli occhi; erano anche simbolo di falsità, per via dei molti strati del suo involucro.
Secondo le credenze popolari, la sua buccia permetteva di prevedere che tempo avrebbe fatto: buccia sottile, inverno mite – buccia grossa, stagione dura e fredda.

Se vi interessano queste curiosità di stampo storico vi consiglio vivamente il sito www.taccuinigastrosofici.it , da cui ho preso questo passaggio!

Concludiamo con un paio di ricette come sempre, vi va?

Per questo mese è tutto, ma ci rivediamo qui a maggio 😉

Se avete curiosità particolari su altri prodotti non avete che da segnalarmelo nei commenti qui sotto o nella pagina contatti!
Mi premurerò di crearle appositamente.

VERDURAFRUTTA
AglioArancia
AsparagiCedro
Barbabietola Fragola
Bieta, bietola Kiwi
Broccolo Limone
Carciofo Mela
Carota Pera
CardoPompelmo
Cavolfiore
Cavolo, cavolo verza ERBE AROMATICHE
Cavolo rapa, cavolo rossoAcetosa
Cavolini di BruxellesAglio cinese
CatalognaAlloro
CicoriaAneto
Cime di rapaBorragine
Cipolla e scalognoCamomilla
FinocchioCerfoglio
Indivia belgaCitronella
Lattuga, lattuga riccia Coriandolo
PatataCrescione
Legumi: fagioli, fave, lenticchie e piselli freschi Erba cipollina
Porro Melissa
RabarbaroMenta
Rapa e ravanelli Prezzemolo
Rucola Rosmarino
Sedano Salvia
Spinacio Tarassaco
Zucca Timo

Ti è piaciuto questo articolo? Aiutami a divulgare la conoscenza!

Un Commento

  • Maria

    Ciao Giulia, articolo interessante come sempre. Grazie 😉 Adoro le fragole ma purtroppo non le mangio più a “cuor leggero” perché sono tra gli alimenti che contengono più pesticidi 😢 Anche lavandole benissimo non si eliminano vero?

E tu cosa ne pensi? Condividi la tua opinione e parliamone

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *